La recensione di “Adiaphora” di Daniela Barisone by Evelyn Storm

Adiaphora-PICCOLO-225x300
Titolo: Adiaphora
Autrice: Daniela Barisone
Casa editrice: La mela avvelenata
Numero pagine: 18
Trama: Il termine adiaphora (dal greco ἀδιάφορα, “cose indifferenti”) era un concetto usato dalla filosofia stoica per indicare cose che sono al di fuori dalla legge morale, cioè azioni che non sono né moralmente prescritte né moralmente proibite.
Recensione: Lettura forte e dal tema delicato, scritta in modo incisivo e che arriva dritta al sodo. Ci troviamo davanti a un racconto horror e drammatico insieme. La protagonista è Michelle, con la sua maschera bianca che in parte nasconde agli altri il suo volto. Michelle, internata in un manicomio per volere del suo tutore John, in procinto di sposarsi con unʼaltra e che non ha esitato a farla rinchiudere per mettere le mani sul suo patrimonio. Ha anche abusato di lei, ma ora non le serve più, cʼè Charlotte nel suo futuro. Lʼunico che sembra volerla proteggere e prendersi cura di lei è il Professore. Ma chi è per davvero? E cosa cʼè alla base della follia di Michelle? Questo e altro in questo racconto breve.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...