Intervista vip all’attore e regista Gianluca Magni

Ciao a tutti, gira una nuova legge sui cookies per cui non vorrei dover chiudere il blog, perché mi spiacerebbe troppo. Intanto che spero di risolvere, come altri che hanno il blog su wordpress.com, vi parlo dell’intervista che ho fatto a un attore e regista molto in gamba: Gianluca Magni.
10403520_943352262360326_254941492106509724_n
Buongiorno Gianluca, quando hai iniziato a recitare?
Il mio primo film l’ho girato negli anni 90. Si intitola LUCREZIA BORGIA. Ho interpretato il ruolo del MESSO PAPALE, colui che, a cavallo, portava le missive del Papa. Ti racconto un aneddoto su questo film, Evelyn. Era il periodo di Natale e abitavo a Milano, un giorno un’amica attrice mi dice: “Gianluca, un mio amico regista, Lawrence Webber, prepara un film ma cerca attori biondi con gli occhi azzurri. Vuoi tentare lo stesso?” Io le dico di sì. Bene, vado in produzione, mi presento e chiedo del regista, lui dopo poco arriva, mi scruta attentamente e mi dice: “sei perfetto per fare il MESSO PAPALE. Le riprese inizieranno a metà Gennaio, sei disponibile?” Io rimango felicemente esterrefatto e gli dico di si. Il regista, dopo il mio si, mi chiede: “Gianluca, sai andare a cavallo? Io, pur non essendo mai montato su un cavallo, gli dico con fermezza di sì”. Bene, nella mia prima scena del film ho galoppato senza mai essere caduto. Avevo il cuore in gola dall’emozione e dalla paura di cadere. Un’esperienza indimenticabile.
Cosa ti ha spinto a intraprendere questa carriera?
Praticamente sono nato artista. Sin da piccolo sentivo scorrere nelle vene la voglia di recitare. Per me è una vocazione, prima che un lavoro. Io amo la macchina da presa, amo dare me stesso al ruolo che devo interpretare, perchè al cinema si interpreta e non si recita.
Sei il protagonista del film “Red Mantis”. Ce ne vuoi parlare?
1918153_100201756675385_2071550_n
Un giorno mi sono detto: “Gianluca, mettiti alla prova e vedi se sei in grado di produrre un film e organizzarlo, oltre che a interpretare”. Bene, è stato un lavoro durissimo ma, al contempo, una sfida affascinante che ho vinto, in quanto sono riuscito a portare il film all’attenzione e fargli fare anche ottimi incassi in diverse sale cinematografiche.
Hai recitato al fianco di attori italiani e stranieri. Con chi ti sei trovato meglio?
Un’esperienza indimenticabile è stata quella di lavorare a fianco del grandissimo Nino Manfredi, un uomo, prima che un grande attore, con doti umane incredibili, un uomo di un umiltà e simpatia uniche! Poi mi sono trovato molto bene anche con Giancarlo Giannini e Ricky Tognazzi.
Parliamo di un altro tuo film: “Dimmi di sì”. Che ruolo interpreti?
Il film si intitola “PRIGIONIERO DELLA MIA LIBERTA’ (FILM DIMMI DI SI’)”. In questo film interpreto il ruolo del poliziotto in borghese che affianca l’Ispettore Giancarlo Giannini in alcune indagini. Il film è un drammatico, ben diretto dal bravissimo regista Rosario Errico, con una fotografia bellisiima, eseguita dal grande Blasco Giurato, che vedremo quest’anno nelle sale cinematografiche.
Facciamo un bilancio: in quanti film hai recitato?
Tra fiction e film, diciamo una cinquantina.
Progetti per il futuro?
Tra poco inizierò a girare un film dal titolo “COME LOLITA”, per la regia di Giancarlo Santi, prodotto da Stefano Palma della “Dioniso Film” e magistralmente scritto da Gennaro Ruggiero. Poi, sto preparando un film da me scritto dal titolo “SANGUE IN CHAT”, un thriller internazionale, molto attuale, dinamico, insieme al mio amico Antonio Castronovo. In questo film, un lungometraggio, farò l’esordio alla regia, oltre che attore. Le riprese avranno inizio a Marzo 2016.
Qual è un traguardo che non hai ancora raggiunto ma che ti sei prefissato?
Anni fa ho preso un Premio Speciale come regista per due cortometraggi da me scritti, diretti ed interpretati, visibili su YouTube, dal titolo “VITA DA ESCORT” e “OLTRE L’ORIZZONTE”. Bene, adesso devo fare la stessa cosa con il mio film “SANGUE IN CHAT”. Amo le sfide con me stesso, mi stimolano e mi danno linfa vitale.
Dove possiamo seguirti?
Nel film “PRIGIONIERO DELLA MIA LIBERTA'”, di prossima uscita al cinema, nel film “COME LOLITA”, che tra poco inizierò a girare, e con la preparazione del mio film “SANGUE IN CHAT”. Approfitto per fare un caro saluto a tutti i lettori e a tutti gli spettatori, perchè senza di loro un artista non esisterebbe.
http://www.stamptoscana.it/articolo/cinema/ciak-per-il-film-dimmi-di-si-di-rosario-errico


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...