#Angolino letterario: Intervista a… Francesca Pace

Buon pomeriggio. Torna l’appuntamento con l’#Angolino letterario. Stavolta l’intervista sarà a Francesca Pace, che ha creato la casa editrice Dark Zone.


1. Quando hai deciso che avresti aperto una casa editrice?
In realtà non è stata una decisione presa con raziocinio a spingermi ad aprire la Dz edizioni, ma un moto emotive, emozionale… la voglia di realizzare un progetto in cui autori e lettori si fondessero in un ideale salotto letterario. Ho voluto realizzare il sogno di molti, in primis il mio, quello di poter arrivare ai lettori.
2. Perché questa scelta?
Accennavo prima al desiderio di creare una realtà editoriale in cui gli autori si sentissero parte integrante dle progetto, ingranaggi dello stesso motore. È bello essere parte di un gruppo che crede nelle stesse cose e che ha un progetto comune e si impegna per realizzarlo!
3. Economicamente hai aiuti dallo Stato o da enti vari?
Assolutamente no!
4. Pensi che valga la pena aprire una ce di questi tempi?
Non ho mai ragionato in termini del genere. Non mi sono fatta due conti prima e non me ne faccio ora, di certo ne vale la pena se quello che cerchi è coesione, energia, affetto… e in DZ ne trovi tanto!!!!
5. Quanti libri di autori hai pubblicato fino a questo momento?
Siamo arrivati a circa 35 titoli e siamo aperti ufficialmente da febbraio 2016 come associazione e gennaio 2017 come marchio editoriale.
6. Quali sono i generi più adatti da mandare in visione?
Noi prendiamo in considerazione tutti i generi ad eccezione della fantascienza pura e dell’erotico. Pubblichiamo Romance, Gialli, Thriller, Horror, ma il nostro punto di forza rest il Fantasy in ogni sua sfumatura.
7. C’è un limite minimo o massimo di pagine/caratteri per le opere?
Assolutamente no… direi che l’unico limite è quello posto dalla fantasia.
8. Un autore che avesse un libro già edito potrebbe inviarlo?
Certo, purché libero da vincoli contrattuali.
9. Gestisci da sola la casa editrice o hai qualcuno che ti aiuta?
Ad oggi ho 7 collaboratori per me indispensabili e insostituibili!
10. Quali sono le caratteristiche che deve possedere un libro per arrivare a essere un best seller?
WOW… domandona!!! Non ne ho la minima idea… certo la trama deve essere grandiosa, affascinanti i protagonisti, l’intreccio articolato ma mai complesso… e trovarsi sulla scrivania giusta al momento giusto!
11. Alla Fiera del libro di Torino la Dark Zone ha raggiunto buoni risultati in fatto di vendite? Ed è stata comunque una bella esperienza?
Al Salone è andata alla grande sotto ogni punto di vista. Le vendite sono state record, ma la mia soddisfazione più grande è stata veder tornare allo stand “vecchi” lettori, amici, conoscenze virtuali che sono venute per stringerci la mano o darci un abbraccio. É stato emozionante e bellissimo intrattenersi in conversazioni “librose” con i giovani presenti.
12. La casa editrice come supporta gli scrittori?
A tutto tondo! Ogni autore ha a disposizione la professionalità del nostro social media manager che studia campagne pubblicitarie mirate, organizziamo eventi su territorio, siamo di support in ogni attività decidano di intraprendere.
13. Cosa richiedi a un autore per pubblicare con la Dark Zone?
Cuore, entusiasmo e un pizzico di follia!
Grazie delle tue risposte.

Il link della pagina Facebook: https://www.facebook.com/darkzonepage/
Il link dell’associazione: http://www.dark-zone.it/

#Angolino letterario: Intervista a… Miriam Rizzo

Ciao a tutti. Torna l’#Angolino letterario. Oggi vi parlo di Miriam Rizzo e delle sue audio letture. Ricordo che in questo angolino si parla di qualunque lavoro faccia parte del mondo editoriale.

N. B. Immagine ripresa su Pixabay al fine di accompagnare il post.

1. Quando hai deciso che la tua voce poteva essere utilizzata in ambito letterario?
Fin da piccola ho avuto la passione per il doppiaggio, ma ogni volta che lo dicevo a mia mamma lei mi rispondeva “Per fare quel lavoro ci vuole una bella voce” così pensavo che la mia non fosse adatta. La storia delle audio letture è successa per puro caso. Un’autrice mi aveva aiutata moltissimo nella realizzazione di una copertina per un mio racconto e non aveva voluto nulla in cambio, così per sdebitarmi mi sono fatta dare (con l’inganno) un estratto del suo romanzo e mi sono registrata mentre lo leggevo. Non pensavo potesse piacere così tanto la mia voce, questo mi ha spronata ad andare avanti. E, ogni volta, l’emozione degli autori nei confronti delle mie letture mi fa palpitare il cuore.
2. Hai preso dei corsi di dizione o sei autodidatta?
Per ora autodidatta, anche se ho in programma di fare un corso di dizione, per migliorare le pecche dovute al mio accento.
3. In cosa consiste precisamente una audio lettura?
Consiste nel cercare di dare “volume” alle parole, di far prendere loro vita. Devi diventare il romanzo, il personaggio che parla. Non è facile, ma è entusiasmante!
4. In passato hai fatto anche video recensioni. Le fai ancora?
Ne ho fatta una poco tempo fa con mio figlio. Ne farei di più, purtroppo ho dei problemi col pc e montare un semplice video diventa un’impresa, perché mi si sfasano audio e video, il che rende il tutto stressante. Appena riuscirò ad avere un pc nuovo conto di fare moltissimi video.
5. Collabori con qualche casa editrice o solo con autori?
Per quanto riguarda le audio letture oltre ai singoli autori collaboro anche con la Dark Zone per ora!
6. Economicamente conviene svolgere questa attività?
È un lavoro che richiede tempo, ma dà le sue soddisfazioni!
7. A livello personale ti senti realizzata o soddisfatta a leggere i testi altrui?
Leggere i testi altrui per me è un onore. Mi fa sentire più che soddisfatta, soprattutto quando l’autore mi dice che ho colto alla perfezione le sfumature del suo personaggio.
8. Hai qualche preferenza o restrizione, in quanto ai testi, o vanno bene di qualunque genere?
Assolutamente no. Ammetto che potrei avere qualche difficoltà con il genere erotico, per colpa della mia timidezza, ma questo non mi blocca, anzi!
9. Qual è il libro che hai preferito leggere?
Aiuto! Domanda difficilissima. Ogni audio lettura è stata un’esperienza unica. La mia preferita è la parte conclusiva di “Allegiant” perché è stato un romanzo che mi ha distrutta alla fine. Anche la mia prima audio lettura completa di un romanzo breve è stata un’esperienza stupenda, soprattutto vedere che ci comprano dall’estero! Ma ad esempio “Il cacciatore di libellule” e “Reborn” mi hanno trasmesso l’inquietudine dovuta al loro genere. E ci sarà una lettura che mi ha fatta morire dalle risate. Non vi svelo altro, sappiate che la sto amando così tanto che vorrei fare l’intero romanzo!
10. Quale pensi siano le caratteristiche ideali per fare quello che fai tu?
Le competenze tecniche contano, non c’è dubbio. Ma ci vuole il cuore, saper entrare in simbiosi col romanzo. Amare la lettura in maniera incondizionata. Sapersi donare a essa.
11. Hai un consiglio per chi volesse seguire le tue orme?
Essere se stessi senza sforzarsi, perché le forzature si sentono ovunque. Per quanto riguarda le parti più tecniche, il corso di dizione serve a eliminare gli accenti che prendiamo dal dialetto locale.
12. La tua voce in quale altri ambiti potrebbe essere utilizzata?
Mi piacerebbe prestare la voce nei videogiochi, o doppiare anime giapponesi.
13. Preferisci che ti si senta solo la voce o apparire proprio anche in video?
Penso che sentire solo la voce possa essere, per chi ascolta, meglio del fatto di vedere qualcuno che legge. Perché togliendo il senso della vista ci si concentra di più sull’udito.
Invece per i bambini penso che le video letture siano migliori perché loro hanno bisogno di vedere le espressioni, infatti nella mia ultima video recensione ho letto un piccolo estratto.
14. Cosa ti aspetti per il futuro?
Spero di poter continuare su questa strada, migliorando sempre di più, collaborando con altri audio lettori e case editrici non solo tramite estratti, ma producendo interi romanzi.
Grazie della tua disponibilità.
Grazie a te per questo spazio e per le domande davvero interessanti. È stato un vero piacere. Saluto tutti i tuoi lettori e se vi fa piacere vi aspetto nel mio blog e nei miei social 😉

Il blog di Miriam Rizzo: http://lepassionidibrully.blogspot.it/
Il suo profilo su Twitter: https://twitter.com/Miriam_Brully
Il suo profilo su Instagram: https://www.instagram.com/miriam_rizzo92/
La sua pagina su Facebook: https://www.facebook.com/LePassioniDiBrully/
Il suo canale YouTube: https://www.youtube.com/channel/UCwTBYrPob35A-aWrBn9v0EA

Intervista all’editor Francesca Giuliani

Cari amici, altra interessante mattinata di interviste. Oggi ho fatto qualche domanda a una brava editor: Francesca Giuliani.
10965765_10205972156332363_1063607941_n
1) Francesca, che studi hai fatto?
Mi sono laureata in Lettere Moderne e al momento studio Informazione, Editoria e Giornalismo.

2) Quando hai deciso di diventare editor?
Ho sempre avuto una forte tendenza a sistemare i testi degli altri, ma quando mi è stato proposto dalla testata per cui lavoravo qualche anno fa ho deciso di mettermi in gioco.

3) In cosa consiste il tuo lavoro?
Come editor correggo i manoscritti degli scrittori (sia emergenti che affermati) limando le incongruenze di trama e adattando il testo alle richieste degli scrittori.

4) Sei editor e direttrice di “Non riesco a saziarmi di libri”. Vuoi parlarcene?
Non riesco a saziarmi di libri è nato due anni fa (anniversario il 7 febbraio). Qui parlo di libri a tutto tondo, di editing e correzioni di bozze.

5) Gli interessati, dove possono contattarti?
Al mio indirizzo mail info.francescagiuliani@gmail.com

6) Progetti futuri?
Continuare a lavorare nel mondo dell’editoria, come editor per scrittori self e per chi vuole proporre il proprio testo già corretto alle case editrici.

7) Un consiglio per chi volesse seguire i tuoi passi.
Studiate tanto e siate pronti alle risposte più assurde da parte degli scrittori, o meglio da coloro che vogliono definirsi tali. Un esempio? “Mi correggo da solo xkè nessuno scrive meglio di me”…

8) Un sogno nel cassetto.
Arrivare a 90 anni, guardare indietro nella mia vita e non vedere un passo falso da cui non sono riuscita a risollevarmi. Non è proprio un sogno nel cassetto, ma è il mio desiderio più grande.

In anteprima l’abstract e la sinossi di “Incontriamoci allo Sweet Temptations”, in uscita il 16 dicembre

Il 16 dicembre si avvicina. Cosa succede il 16 dicembre? Semplice, uscirà il mio ebook “Incontriamoci allo Sweet Temptations”. Ecco l’abstract, la sinossi e la biografia in anteprima. Cover senza sfumature 43 bassa
Incontriamoci allo Sweet Temptations

di Evelyn Storm

Come può un’aspirante scrittrice vincere lʼimbarazzo di “mettere in scena” tutte le sfumature erotiche descritte in un romanzo che sta scrivendo? A conti fatti, Laura non può tornare indietro. Così sperimenterà con Matt unʼavventura che cambierà la vita a entrambi…

Quando sua cugina le propone di lavorare alla pasticceria SweetTemptations, Laura accetta. Ma in breve tempo realizza che si sentirebbe soddisfatta solo se pubblicasse il romanzo erotico che sta scrivendo. Una mano le arriva grazie alla coinquilina, editor di una casa editrice, che le fa incontrare Matt, un direttore editoriale intraprendente e terribilmente sexy. Mentre il romanzo prende piede, in Laura e Matt scatta il desiderio di provare le scene più spinte del romanzo, fino a quando qualcosa cambierà radicalmente, nel loro rapporto…

Evelyn Storm è lo pseudonimo di unʼautrice versatile. Ha iniziato a collaborare con riviste online, siti e blog letterari per poi approdare ai racconti di gruppo. È blogger. Ha pubblicato poesie, anche in siti culturali stranieri, racconti in antologie varie, romanzi e una fiaba. In passato, con il vero nome, ha scritto e pubblicato fumetti per bambini. Dopo la recente uscita del libro “La voce del sentimento”, ha iniziato per la prima volta a dedicarsi a un romanzo erotico.

Intervista vip: Laura Schiavini (autrice Newton Compton e non solo)

Buongiorno gente! Ancora un’intervista vip. Domande e risposte a Laura Schiavini, autrice Newton Compton e non solo, come uso dire.
10749469_10202726076100645_642412354_n
1) Laura, collabori con una rivista di narrativa femminile. Ci puoi dire il nome e darci qualche notizia in più?
Collaboro con Intimità e Love Story, gruppo Quadratum, dal 2005 scrivendo racconti e romanzi di genere rosa. Comunque, quando ho iniziato a scrivere per le riviste non ero un’esordiente avendo già pubblicato tre libri di generi diversi. Il primo All I want is U2 è una monografia, il secondo Senso Unico – ripubblicato in una versione più moderna nel 2012 sia in versione cartacea che in ebook ─ è un romanzo rosa. Il terzo La fortuna è un talento, è romanzo ambientato nel mondo dell’editoria.

2) Ma parliamo di te come autrice. Hai sempre voluto scrivere?
Sì, fin da piccola, in quinta elementare, quando avevo vinto un corso per un tema in classe che mi era valso una borsa di studio. Ma ci sono voluti parecchi anni e tante letture prima che decidessi di fare sul serio, verso i quarant’anni. Insomma, sono arrivata tardi, ma poi non mi sono più fermata.

3) Come trovi gli spunti per le tue storie?
Gli spunti mi arrivano un po’ da tutte le parti. Dalla vita, dalle letture, dai film e dalle fiction. L’incipit di A qualcuno piace dolce, il mio ultimo romanzo, è ispirato a una trasmissione televisiva che avevo visto a New York, in tarda serata. C’era questa signora, il cui aspetto ricordava quello di una “sioreta”, che spiega l’uso dei sex toy alle telespettatrici. Era una trasmissione di educazione sessuale con intento educativo, che si prendeva molto sul serio, tuttavia il risultato era esilarante. La storia è partita da lì e dal mio viaggio nella Grande Mela, anche se ovviamente è frutto di fantasia.

4) Come hai fatto a pubblicare con una grande casa editrice?
L’avvento dell’e book e del self publishing ha aperto molte strade, che prima sembravano precluse, anche ad autori che, come me, avevano già pubblicato dei libri con piccoli editori. La sfida mi piaceva e così c’ho provato pubblicando come self A qualcuno piace dolce. In poco tempo ha scalato le classifiche e Newton Compton mi ha fatto un’offerta per i diritti.

5) Quali soddisfazioni ti ha dato il tuo libro “A qualcuno piace dolce”? 10743604_10202726075540631_233078959_n
Tantissime. Innanzitutto perché ho raggiunto l’obiettivo che mi prefiggevo da anni, ossia pubblicare con un grosso editore. Poi perché l’editore ci ha creduto davvero e ha fatto una grande promozione, che non mi aspettavo. Vedere il mio libro dappertutto, negli espositori e nelle vetrine delle libreria, per non parlare dei cartelloni pubblicitari, è stato fantastico. Il classico sogno che si avvera…

6) Hai qualche progetto futuro di cui vuoi parlarci?
Nei primi mesi del prossimo anno uscirà, sempre per Newton Compton, un altro mio romanzo dal titolo Precari, Yoga e galline – Come trovare lavoro e l’amore in tempo di crisi. Il titolo è un po’ lungo e non so se lo lasceranno. Questo romanzo ha una storia piuttosto travagliata. Stava per essere pubblicato due volte, ma i contratti non mi convincevano (non si trattava di pagare, non ho mai pagato per pubblicare, ma delle clausole troppo restrittive) e ho preferito tenerlo nel cassetto per momenti migliori. Che poi sono arrivati.

7) Quali sono i tuoi autori preferiti?
Domanda imbarazzante: sono tanti. Dai classici come Tolstoj, che amo particolarmente ai contemporanei leggeri come la Kinsella, che mi fa divertire. Passando per Roddy Doyle, Nick Hornby , Ann Tyler, Agota Kristof.
Senza dimenticare Margareth Mitchell, che secondo me è la capostipite del Romance con Via col Vento. Attualmente è citata pochissimo, mi chiedo perché.
Ma attualmente ci sono anche molte autrici italiane validissime. Che non cito per non correre il rischio di dimenticare qualcuna.

8) Se dovessi lasciare un messaggio ai lettori, cosa diresti loro?
Semplicemente grazie! Scrivere un libro è un’avventura meravigliosa quanto faticosa e certo non me lo ha ordinato il dottore. Ma il riscontro del pubblico è la cosa più importante, è il carburante per andare avanti.

9) Dove possiamo seguirti?

Sulla mia pagina autore in fb:
https://www.facebook.com/pages/Laura-Schiavini-Autore-co-Newton-Compton/459260367490871?ref=hl

Nuova segnalazione del mio ebook (Non fatevi ingannare dal titolo, non è solo sentimento)

Ecco la segnalazione del mio ebook “La voce del sentimento” sul blog di Alessandra Paoloni, che posto anche qui sotto. 10567301_680582968688712_2001680380_nhttp://paolonialessandra.blogspot.it/2014/10/segnalazione-la-voce-del-sentimento.html

Segnalazione: La voce del sentimento ~ Evelyn Storm
Buon pomeriggio amici di blog.
Per le segnalazioni di libri di autori emergenti oggi voglio presentarvi “La voce del sentimento” di Evelyn Storm, autrice sempre attiva per la promozione del suo lavoro alla quale auguro tantissima fortuna. Andiamo a scoprire di cosa tratta il libro.
Titolo: La voce del sentimento
Autore: Evelyn Storm
Editore: Selfpublishing
Pagine: 187
Genere: Romance
Prezzo: 1,99
Link d’acquisto: Amazon

Sinossi: Quattro avventure in un unico romanzo. Quattro coppie seducenti e diverse tra loro, Veronica e Roberto, Daralis e Ronan, Petra e Josh, Cindy e Dylan, ma accomunate da un unico filo conduttore: la promessa di un amore “eterno”.
Quattro storie con un argomento specifico, che spazia dalla vita vera al fantasy, dallʼombra alla luce, dal sentimento alla passione, dallʼItalia allʼestero.

*****

L’autrice: – Si è diplomata al Liceo Classico.
– Ha collaborato con la rivista per teen-ager “Ginger Generation” e con “Almax Magazine”, con il blog “Polvere alla polvere”, con i siti “Fantasy Planet”, “Passione Lettura” e “Urban-Fantasy” e con la casa editrice “La mela avvelenata”.
– È blogger di diversi blog personali.
– Ha avuto lʼidea del racconto di gruppo “Dark Agony”, coinvolgendo altri 22 autori. Il racconto è uscito a puntate su “Passione Lettura”.
– Tra le poesie pubblicate: “Sposarti” sul numero 2 della rivista online “Stella Magazine”; “Bagliore dʼinverno”, tradotta in lingua straniera sul sito culturale polacco “poetica.art.pl”; “Pensieri”, tradotta sul sito culturale spagnolo “mundopoesia.com” e su quello messicano “poemas-del-alma.com”. E poi: “Mio signore”, uscita sullʼantologia “100 poeti per lʼamore”; “Stella cadente”, tra le vincitrici del contest “Scrittrici per caso” della rivista “Ragazza Moderna” e “Ali dʼangelo” e “Tʼimmagino”, edite sullʼantologia “Qui dove camminano gli angeli” della casa editrice “David and Matthaus”.
– A ottobre 2012 il suo racconto ispirato ad “Orgoglio e Pregiudizio”, “Darcy + Elizabeth”, è stato pubblicato sul blog “Il diario della fenice”;
– Sempre ad ottobre 2012 è uscito il suo romanzo “Grido dʼamore – Quando il sogno non basta”, edito dalla casa editrice “Lettere Animate”.
– È tra i vincitori del concorso “On the road – Diari di viaggio” della “Libro Aperto Edizioni” con il racconto “Un viaggio per due” ed è arrivata terza al concorso “My Fantastory” con il racconto “Prigioniera di un vampiro”, pubblicato sul blog “Io Scrittore” e sulla rivista online “I Writer”. È tra i vincitori dellʼantologia “365 storie dʼamore” di “Delos Books” con il racconto “Il mio respiro insieme al tuo” e del concorso “Impronte d’amore” della “Butterfly Edizioni” con il racconto “I segreti dellʼamore”.
– Ad aprile 2013 è uscita la sua prima favola per bambini, “Ridolina si addormenta”, edita da “Edizioni Il Villaggio Ribelle”, divisione del gruppo editoriale “David and Matthaus”.
-A ottobre 2013 ha pubblicato il romanzo “Il covo degli spiriti guardiani” sempre con il gruppo editoriale “David and Matthaus”.
– Ad agosto 2014 è uscito il suo ebook “La voce del sentimento”, in vendita negli store online.
Questo libro è una delle mie prossime letture che spero di iniziare presto.
Faccio ancora un grosso in bocca al lupo a Evelyn e a questa sua nuova avventura.
Alla prossima segnalazione!

Francesca Pace e i suoi libri “Emma” e “Gabriel. Il sigillo della tredicesima runa”

Ecco la presentazione dell’autrice Francesca Pace per i romanzi “Emma” e “Gabriel. Il sigillo della tredicesima runa”. foto 1
Sinossi di Emma: Emma é una ragazza semplice dall’inconsapevole fascino magnetico. Rimasta orfana giovanissima, vive la sua esistenza con affianco la sua migliore amica Serena, una ragazza solare ed estroversa che la supporta e la aiuta nelle difficoltà e gode con lei dei successi.
Nulla é come sembra in realtà e con il dipanarsi dell’intreccio Serena svelerà la sua vera natura quella di potente strega affiancata alla ragazza per difenderla. La vita di Emma, tranquilla, al confine dell’invisibilità, verrà sconvolta da un cambiamento radicale ed improvviso che la catapulterà nel complesso e violento mondo di streghe e vampiri. Un’inaspettata e travagliata transizione ne muterà in modo definitivo la natura e l’essenza trasformandola in un essere sovrannaturale mai esistito prima. In Emma prenderanno vita le due nature che la compongono e caratterizzano che, tenute sopite per anni sgomiteranno tra loro fino a trovare un equilibrio. La ragazza scoprirà di essere un ibrido, per metà strega e per metà vampiro. In questo cambiamento, che accompagnerà anche una maturazione caratteriale, Emma capirà, anche, che la sua vita era destinata a questo mondo fantastico e che i suoi più cari amici ne facevano parte da sempre. Quando la straordinaria ragazza, accompagnata dai suoi amici di sempre e da un nuovo e viscerale amore, si troverà ad affrontare con coraggio la sua nuova vita imparando ad amarla e ad amare se stessa come mai prima, scoprirà di possedere uno sconfinato ed incontrastabile potere. È, questa, una appassionante ed intensa storia di amicizia, fratellanza e amore.
Link acquisto ebook
http://www.amazon.it/Emma-Francesca-Pace-ebook/dp/B00BHN02KM
Link acquisto cartaceo
http://www.amazon.it/Emma-Francesca-Pace/dp/8891136891/ref=sr_1_sc_2?s=books&ie=UTF8&qid=1411025658&sr=1-2-spell&keywords=emma+pace+vrancesca

Sinossi GABRIEL. IL SIGILLO DELLA TREDICESIMA RUNA: foto 2
Il secondo capitolo della saga “THE HYBRID’S LEGACY SAGA”, scritta da Francesca pace, ci traghetta in un’atmosfera dark, sanguinaria e voluttuosa.
Gabriel è un ragazzo come ce ne sono molti. Scapestrato e superficiale, conosce fin troppo presto i dolori che un’esistenza umana porta con sé. Attraverso la sofferenza e la morte impara la caducità della vita e la fragilità dei sentimenti.
In una Scozia di fine 1400, Gabriel sceglierà le tenebre e l’oscurità dell’immortalità. Sceglierà di diventare un vampiro.
Sangue e morte ne accompagnano l’esistenza vissuta nell’inconsapevolezza e nell’ignoranza del suo dono. Un sigillo che ne cambierà radicalmente le sorti.
Una vita, la sua, vissuta al limite con al fianco Andrew, suo fratello, che mai lo abbandonerà neanche quando tutto in lui sembrerà essere perduto.
Una storia che abbraccia quasi sei secoli, ricca di cambiamenti e repentini mutamenti che porteranno ad un’intima trasformazione interiore che toccherà il culmine nell’incontro con Emma, l’amore della vita di Gabriel.
Sarà proprio l’amore, il motore che muove ogni cosa, a rendergli salva la vita e soprattutto l’anima.
Link acquisto ebook e cartaceo
http://www.amazon.it/Gabriel-sigillo-della-tredicesima-runa-ebook/dp/B00KJ3C8QC/ref=pd_sim_kinc_1?ie=UTF8&refRID=18MSH8ZRH2ZS8XWTKMD9

Intervista ad Alex Goetling su Eutopia

Altra giornata piena e giornata di interviste. Leggete le risposte alle mie domande di Alex Goetling sul suo libro “Eutopia”. 77777
1) Scrivi perché…
Innanzi tutto perchè mi piace, mi diverte ed emoziona. Amo il processo creativo: il momento in cui idee, pensieri e immagini sparse nella mente si piegano alla logica del racconto, acquistanto peso, consistenza, forma e struttura. Una sorta di magia, tramite cui ciò che prima era informe e personale diventa comprensibile e condiviso. Abracadabra!
2) Quanto c’è di te stesso nei tuoi scritti?
Tutto. No, tutto magari no, ma davvero tanto. Sogni, incubi, desideri, paure. Il mio amore per le tradizioni popolari, la storia, le tattiche militari e molto altro ancora. Come ho scritto altrove a proposito del fantasy, oni, gobelin, mercenari e paladini sono solo un paravento, dietro cui si cela l’autore. Faccio un piccolo esempio: nel romanzo compare Niff, un trovatello muto che, per rassicurarsi, strofina le dita di chi ha vicino, grattando via le pellicine dai bordi delle unghie. Lo stesso gesto automatico che fa mia figlia per addormentarsi.
3) Raccontaci del tuo romanzo “Eutopia”.
Eutopia è un luogo, un villaggio fondato in una foresta maledetta. Il romanzo è la storia dell’impresa compiuta per raggiungerlo ed uscirne vivi. Un viaggio per sconfiggere il Male, in un mondo in declino, che trema per paura dell’Apocalisse. Dyvim Ris ne è il protagonista e insieme a lui cavalieri e mercenari, un predicatore cieco, demoni, oni e un cuoco gobelin. Amici e nemici. Alcuni vinceranno, altri moriranno. Ognuno avrà prove da affrontare e tutti si troveranno cambiati alla fine della vicenda. Che non è una vera fine, ma l’inizio di un’avventura ancor più grande…
4) Paladini e mercenari: tu da che parte stai?
Da nessuna. Ho messo qualcosa di mio in ogni personaggio e ognuno ha il suo ruolo. Nella storia, inoltre, cerco di entrare il meno possibile, lasciando i giudizi sulle azioni e gli eventi alla voce dei singoli personaggi. Neanche sui demoni mi esprimo, nonostante siano raffigurati come i nemici. Bene e Male si confondono e così deve essere. Un lettore ha espresso molto bene questo punto di vista, chiedendomi: “Ma alla fine chi è il cattivo?” La risposta non c’è: ogni personaggio ha il suo punto di vista e ogni lettore può credere a uno o all’altro, affezionandosi a suo piacimento. L’eroico paladino e i rozzi mercenari hanno molti estimatori, mentre il meno amato dal pubblico è il giovane Fulvius de Daanan. Testardo, lagnoso ed arrogante. Davvero di un’antipatia estenuante!
5) Chi è Dyvim Ris?
Un paladino di Daal, un monaco-guerriero votato alla Fede. Un veterano di mezza età, tutto d’un pezzo. Il protagonista della storia, anche se cede spesso il ruolo ad altri personaggi. È il campione della Luce, in un mondo che scivola verso le Tenebre. Il suo credo è forte tanto quanto la sua spada: entrambi, però, verranno messi alla prova nella ricerca di Eutopia. Duramente.
6) La ballata della fine dei tempi di quanti libri si compone?
Questa è un’ottima domanda. Risponderò quando l’avrò terminata. Scherzi a parte, nella mia testa c’è la storia, non il numero di volumi che la conterranno: ad oggi direi tre o quattro, compreso il secondo già in cantiere. Il progetto della “Ballata” , però, è più complesso e si compone anche di racconti: approfondimenti o spin-off di eventi, ambientazione e personaggi che ho scritto o scriverò in futuro. Alcuni, come “Nera fiaba d’autunno” sono già stati pubblicati. La trovate sulla rivista “Il Lettore di Fantasia”.
7) Un messaggio ai lettori.
Leggete tanto e pensate sempre con la vostra testa.
8) Dove possiamo trovare il tuo libro? Scrivici un link.
Eutopia è presente in quasi tutti gli store online, in cartaceo e digitale.
Potete trovare un elenco incompleto qui: http://www.alexgoetling.com/acquista