La recensione a “La bestia e l’uomo” di Lucia Coluccia by Evelyn Storm

La-bestia-e-luomo-225x300
Titolo: La bestia e lʼuomo
Autrice: Lucia Coluccia
Casa editrice: La mela avvelenata
Numero pagine: 10
Trama: L’odore della libertà, la forza della natura. Lo spirito libero di un lupo mannaro viene piegato dalla magia. L’ardore attraversa le carni, il battito del cuore accelerato risuona nel bosco. È la notte di luna piena. Ecco, la preda scatena la caccia… Ricordi di un tempo lontano, di quando era a capo del branco…
Recensione: Un racconto malinconico e molto breve. Tanto che, sul finale, si vorrebbe proseguire la lettura. Il protagonista è un lupo, o meglio lo era a tutti gli effetti un tempo. Unico sopravvissuto a uno sterminio dei suoi simili da parte degli zingari. Ma, ancora peggio della morte stessa, la sua esistenza è una continua condanna da parte di una vecchia zingara a una vita misera, senza odori intensi e senza poter soddisfare i propri istinti. Maledetto perché costretto a diventare uomo.

Annunci